I nostri prodotti


Tutti i prodotti


Ricerca Avanzata

Accedi al sito






JoomlaStats Activation

Se preferisci un contatto telefonico chiama pure  allo 06 4825034    inoltre possibilità di buoni acquisto come idee regalo. ERBORISTERIA BARBERINI LA SALUTE FOGLIA PER FOGLIA !
Alternativa erboristica per la prevenzione e trattamento di colesterolo e malattie cardiovascolari ... Stampa E-mail

CARCIOFO ( CYNARA CARDUNCULUS):: alternativa non farmacologica per la prevenzione ed il trattamento delle iperlipidemie

 

Le malattie cardiovascolari rappresentano oggi una delle principali cause di morbilità e mortalità nel mondo occidentale .

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha stimato che , nella popolazione generale , l’8% circa delle malattie più diffuse nei paesi industrializzati è dovuto all’aumento dei livelli plasmatici di colesterolo e che il 60% delle cardiopatie coronariche è dovuta a livelli di colesterolo totale nel sangue superiori a 200mg/dl , valore bordeline , superato il quale aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari . Elevati livelli di colesterolo totale  nel sangue ed in modo particolare della frazione legata alle lipoproteine a bassa densità ( colesterolo LDL) , note nel linguaggio comune  come “ colesterolo cattivo” , rappresentano uno dei principali fattori di rischio delle malattie cardiovascolari , talora associati a bassi livelli di colesterolo HDL ( il cosiddetto “colesterolo buono”) , ad un rapporto di DLD/HDL alto ( le HDL devono essere non meno del 30% del colesterolo totale ) e ad un elevato livello di trigliceridi , ipertensione, fumo , obesità, scarsa attività fisica   ecc. , sono altri fattori di aumentato rischio coronario .

Tutte le linee guida internazionali suggeriscono che il trattamento e la prevenzione delle patologie cardiovascolari inizia dalla TAVOLA. Una DIETA equilibrata , infatti con ridotto apporto di grassi ( soprattutto saturi) consente , non solo di mantenere la colesterolemia   entro i livelli consigliati ( <160 mg/dl  colesterolo LDL per i soggetti sani , e <130mg /dl in presenza di fattori di rischio di coronaropatia ) , ma anche di tenere sotto controllo il peso corporeo . Una dieta sana ed equilibrata , insieme allo svolgimento di una regolare attività fisica e ad uno stile di vita sano  , ( evitare il fumo e ridurre il consumo di alcol ) sono quindi oggigiorno obiettivi di primaria importanza da raggiungere per ridurre i fattori di rischio delle malattie cardiovascolari . Tra gli ingredienti alimentari i cui effetti benefici sulla riduzione dei livelli plasmatici di colesterolo sono di ampio interesse scientifico , gli acidi grassi polinsaturi Omega 3 ( EPA , acido eicosapentaenoico , e DHA , acido docosaesaenoico) occupano un posto rilevante . Gli Omega 3 sono presenti in natura nell’olio di semi di lino ed in quantità superiore  nell’olio di pesce , in particolare il pesce azzurro ( salmone , sardine, aringa , ecc .) numerosi studi clinici ed epidemiologici hanno dimostrato che la somministrazione di EPA e DHA nei soggetti con ipertriglicemia hanno la capacità di ridurre in modo significativo i livelli di trigliceridi . Sulla base di questi dati , l’industria dietetica ha indirizzato il suo interesse allo sviluppo di alimenti arricchiti con Omega 3 ( latte parzialmente scremato e yogurt ) che in alcuni studi clinici su pazienti affetti da ipertrigliceridemia lieve /moderata , si sono mostrati efficaci nel ridurre in modo significativo i livelli di trigliceridi e nell’aumentare in maniera altrettanto significativa , il colesterolo HDL . Negli ultimi anni, anche il mercato degli integratori alimentari si è arricchito di prodotti a base di acidi grassi polinsaturi Omega 3 derivati da olio di pesce , talora utili per sopperire la carente assunzione con la dieta . Altri importanti componenti della dieta mediterranea il cui ruolo di prevenzione sulle patologie cardiovascolari è argomento di studio sono le sostanze antiossidanti come la vitamina E ed C . i carotenoidi , i flavonoidi , e alcuni oligoelementi come lo zinco e il selenio . Frutta e verdura sono naturalmente ricchi di  sostanze antiossidanti , ma numerosi sono gli studi scientifici in corso sulle proprietà antiossidanti del vino rosso e del tè verde e nero .

Ricche di sostanze antiossidanti sono anche le foglie del carciofo , di cui numerosi studi scientifici da anni , hanno evidenziato le proprietà ipolipidemizzanti ed antiossidanti . Il Carciofo ( Cynara cardunculus o C. scolymus ) è una pianta erbacea perenne originaria del Nord Africa , delle Isole Canarie , e dell’Europa  meridionale . Le foglie del carciofo erano utilizzate fin dall’antichità per le loro proprietà curative in diverse malattie , in particolare per la loro capacità di migliorare il processo digestivo e per il loro effetto diuretico. Il carciofo è ampliamente conosciuto anche per i suoi effetti coleretici e colagoghi in soggetti affetti da discinesie biliari ed insufficienza epatica . Negli ultimi anni sono diversi gli studi sia in vivo ( modelli animali e nell’uomo) che dimostrano come estratti acquosi di foglie di carciofo siano in grado di ridurre sia i livelli plasmatici di colesterolo sia l’ossidazione del colesterolo LDL suggerendo quindi una alternativa non farmacologia efficace nel ridurre i fattori di rischio delle patologie cardiovascolari .  Gli effetti antiossidanti ed ipocolesterolemizzanti sono attribuibili in particolar modo alla luteolina , un flavonoide presente nell’estratto acquoso di foglie di carciofo , sostanza in grado di inibire la sintesi del colesterolo ; questo effetto potrebbe essere dovuto all’azione diretta della luteolina sull’HMG-CoA redattasi , uno dei principali enzimi coinvolti nella sintesi endogena di colesterolo .

Studi in vitro su colture di epatociti hanno inoltre dimostrato che un estratto acquoso di  foglie di carciofo è in grado di inibire l’incorporazione di acetato marcato con 14Cnella frazione lipidica non saponificabile , con conseguente riduzione della sintesi di colesterolo .

Oltre alla luteolina , un altro composto flavonoidico di cui le foglie di carciofo sono ricche è l’apigenina : in esse si possono inoltre trovare diverse sostanze polifenoliche come la cinarina tra i derivati dell’acido dicaffeolichininici  sia i flavonoidi presenti nell’estratto acquoso di foglie di carciofo sono ampliamente studiati per le loro proprietà antiaterogene.

La capacità di un estratto acquoso di foglie di carciofo di ridurre i livelli plasmatici di colesterolo in soggetti sani con ipercolesterolemia media/moderata , è stata individuata in due studi clinici randomizzati in doppio cieco con il controllo del placebo , di cui il primo è uno studio multi centrico condotto in Russia nel 2000 , mentre il secondo , che includeva un unico centro ospedaliero , è stato eseguito negli Stati Uniti nel 2008 , qui di seguito riportiamo le principali differenze tra i due studi clinici .

 

Differenze significative nel disegno di due studi clinici in doppio cieco con il controllo del placebo condotti per valutare l’effetto ipocolesterolemizzante di un estratto  acquoso di foglie di carciofo :

 

PAZIENTI :

 

-      ( 1° studio Russia )     143       ( 96 femmine e 47 maschi )

-      ( 2° studio USA    )     75         ( 48 femmine e 27 maschi)

 

 

LIVELLI BASALI DI COLESTEROLO TOTALE NEL PLASMA :

 

-            ( 1° studio Russia ) >  280 mg /dl

-            ( 2° studio USA    ) 230-300 mg /dl    

 

 

 

ESTRATTO DI FOGLIE DI CARCIOFO :

 

       -     ( 1° studio Russia )   Estratto acquoso standardizzato concentrato

       -     ( 2° studio USA    )  Estratto acquoso standardizzato diluito

 

 

DOSE GIORNALIERA DI ESTRATTO :

 

       -      ( 1° studio Russia )   1800 mg/giorno

       -      ( 2° studio USA    )  1280  mg/giorno

 

DURATA DELLO STUDIO :

 

       -      ( 1° studio Russia )    6 settimane

       -      ( 2° studio USA   )    12 settimane

In entrambi gli studi  si è osservata al termine del trial clinico la riduzione significata dei livelli plasmatici di colesterolo totale , come riportato di seguito :

 

296,88 mg/dl +/- 0.58 all’inizio dello studio / tempo 0) a 242.03 +/- 0.96 dopo 6 settimane ,      corrispondente ad una diminuzione pari a 18.5% .

 

274.63    mmol/L +/- 0.62 all’inizio dello studio a 263.12 +/- 0.68 dopo 12 settimane , con un   decremento pari a 4.2% .

 

 

Nello studio di English et al.( 2000) si è inoltre osservata una diminuzione statisticamente significativa dei livelli di colesterolo LDL , mentre nessuna variazione significativa è stata osservata nei livelli plasmatici di trigliceridi e colesterolo HDL tra il gruppo sperimentale ed il gruppo controllo in entrambi gli studi .

La maggior diminuzione dei livelli plasmatici di colesterolo totale nello studio di English et al. è probabilmente dovuta sia alla dose giornaliera sia al tipo do estratto che , essendo più concentrato, contiene quantità maggiori di alcuni composti fitochimici , in particolare glucosidi o altri derivati della luteolina , come la luteolina 7-O-glucoside , che sembra essere tra i componenti delle foglie di carciofo maggiormente responsabili dell’effetto ipocosterolemizzante . Sembra inoltre che l’estratto acquoso sia più efficace nei soggetti con livelli di colesterolo basale maggiore .  In generale l’efficacia dell’estratto acquoso di foglie di carciofo è paragonabile a quello dell’aglio ( Allium sativa) , ma inferiore rispetto alle statine , suggerendo il possibile impiego di questi estratti nell’ambito di una dieta equilibrata dove possano contribuire a ridurre i fattori di rischio delle patologie cardiovascolari .

Nei due studi descritti , durante il trattamento non sono stati rilevati effetti collaterali gravi , tuttavia ulteriori studi saranno necessari per valutare sia gli effetti ipocolesterolemizzanti  a lungo termine delle foglie di carciofo sia la loro sicurezza.

 Oltre all’azione ipocolesterolemizzante , un altro importante effetto associato alla prevenzione e al trattamento delle patologie cardiovascolari delle foglie di carciofo è l’azione di modulazione della vasodilatazione asseverata in 18 pazienti con moderata iperlipidemia ( colesterolo LDL 130-200 mg/dL ; trigliceridi mg/dL150-250), sottoposti a una ipolipidica , dopo assunzione per 6 settimane di 20 mg / giorno di un succo ottenuto per pressione meccanica da foglie di carciofo , refrigerato e al momento dell’uso , diluito in acqua con aggiunta di poche gocce di succo di limone . Gli ingredienti principali del succo erano 95.8% acqua , 2.5% fibra,0.1% lipidi,0.7%carboidratie 0.9%proteinee , in quantità minore , polifenoli , principalmente acidi mono- edicaffeolichininici ( acido clorogenico e cinarina)  e flavonoidi ( nariturina , apigenina , luteolina e acido ferulico) .Il gruppo controllo era rappresentato da pazienti aventi le stesse caratteristiche ( età , sesso, IMC, parametri lipidici ecc.) dei soggetti inclusi nel gruppo sperimentale , sottoposti per sei settimane solamente a dieta ipolipidemica . Nei soggetti sperimentali si sono osservati riduzioni significative dei livelli plasmatici di colesterolo totale , colesterolo LDL ed un aumento significativo dei trigliceridi . La riduzione di colesterolo totale e di colesterolo LDL è risultata significativa anche nel gruppo controllo . La somministrazione del succo estratto dalle foglie fresche di carciofo ha inoltre portato ad un decremento significativo di VCAM-1( molecola di adesione alle cellule vascolari) e ICAM1 ( molecola di adesione intercellulare) , due importanti markers molecolari la cui aumentata concentrazione nel sangue è un indice di aumentato rischio aterosclerotico , e ad un aumento della FMW( vasodilatazione flusso-mediata)dell’arteria brachiale, associata anch’essa ad un ridotto rischio di sviluppo di aterosclerosi .

L’estratto acquoso di foglie di carciofo ha comprovati effetti in vitro nel ridurre la produzione di radicali liberi e nel prevenire l’ossidazione del colesterolo LDL e la per ossidazione lipidica . Due recenti studi condotti in vivo in modelli murini , hanno dimostrato che l’estratto acquoso di foglie di carciofo ha la capacità di ridurre non solo i livelli di colesterolo totale , trigliceridi e rapporto colesterolo/colesterolo LDL , in ratti femmina trattati con dieta ipercolesterolemica ( 4%p/colesterolo e 1% p/p acido colico )integrata con 1.5g/KG p.c./giorno di un estratto acquoso commerciale di foglie di carciofo per un mese , ma in grado di per ossidazione endogena e la formazione delle lipoproteine a bassa (LDL)  e bassissima densità (VLDL) . Si è inoltre osservato un aumento dell’ attività antiossidante , come SOD ( superossido dismutasi ) e GSH-Px ( glutatione per ossidasi ), della vitamina E . Questi sono i primi studi che dimostrano l’effetto ipocolesterolemizzante  e antiossidante  di un estratto acquoso di foglie di carciofo in condizioni sperimentali ipocolesterolemiche. Nuovi studi clinici sarebbero auspicabili per dimostrare tali effetti anche nell’uomo in condizioni di ipercolesterolemia grave .

 

 

 

 

Bibliografia tratta da numerose riviste scientifiche
 QUESTE NOTE” informative” NON INTENDONO SOSTITUIRSI AL PARERE MEDICO CHE VA CONSULTATO ALL'INSORGENZA Di “ qualsiasi primo sintomo” .Precisiamo e premettiamo inoltre  che le informazioni che leggete  , pur provenienti da fonti attendibili , sono fornite unicamente a titolo indicativo e generale e non assumono in alcun modo caratteristiche di esaustività e completezza. La loro utilizzazione deve intendersi come semplice lettura , in quanto le informazioni non possono sostituirsi ad un consulto medico e/o parere tecnico specialistico. In nessun caso l’Erboristeria Barberini SRL potrà essere responsabile di conseguenze derivanti da comportamenti suggeriti  dalla lettura dell’articolo  , infine  la lettura a cura di un minore deve avvenire sotto stretta sorveglianza di un adulto.

 

 

 

 

Cerca nel sito

L'erbario

Carrello acquisti

Il carrello è vuoto.

Tante offerte per te!

Banner